Dopo tutto siamo ancora qui

Ne è passato di tempo dall’autunno scorso. Siamo nel 2020, anno “funesto” per tutti, alla fine di un’estate particolare ma per quel che mi riguarda bella, e con temperature fuori che sfiorano l’ottobre inoltrato….anzi, oggi c’è il sole quindi spero la giornata si riscaldi presto. Tutto procede molto lentamente e un po’ in maniera noiosa per i miei gusti; anche  a livello lavorativo sono come in una situazione di stallo e il che non è per nulla stimolante. Vediamo se l’autunno porterà nuove cose come spesso accade. L’autunno è per certi versi una sorta di ripartenza…in realtà in natura tutto si prepara alla quiescenza, al riposo e alla meditazione, però noi umani tendiamo a rimandare tutto a Settembre e quindi quando arriva è ora di darsi una mossa. Io di carattere non ho mai rimandato nulla a settembre…sarà perchè fortunatamente non ho mai dovuto programmare diete imminenti o cambiamenti importanti a livello fisico. A settembre per come la penso io ho sempre e solo rimandato l’inizio della scuola. Quest’anno l’aspetto con una piacevole ansia come di consueto, perchè è ora che mia figlia ricominci ad avere a che fare con la disciplina scolastica, ormai divenuta sconosciuta da mesi. Comunque non ho fretta, se una cosa deve accadere ha senso aspettarla con calma, quindi intanto mi godo questi ultimi giorni estivi, vivendo in uno stato di riflessione più presente del solito, questo Settembre mi ispira riflessione. sarà che ho compiuto gli anni e sento il tempo passare con importanza, sempre di più. Sono sempre stata una persona riflessiva ma indubbiamente noto che l’età regala sfumature di ponderazione diverse e più profonde. Probabilmente è anche vero che a una certa età ci si ritrova a fare una sorta di resoconto di quello che è stato e perchè no, di quel che sarà. Sempre più delusa dalle persone che ci circondano, quelli che io chiamo “gli altri”, mi ritrovo a essere estremamente selettiva sulle persone che frequento e su cui faccio affidamento, purtroppo sono molto poche, la mia diffidenza sta raggiungendo livelli storici, non che mi dispiaccia in verità. Di questo passo diventerò presto un’asociale. Non male in questi tempi di pandemia, almeno non mi si pone il problema del distanziamento sociale.

Dopo tutto siamo ancora quiultima modifica: 2020-09-03T11:42:35+02:00da sanachan21
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento